Greentek | Rhizoctonia sul prato
17750
post-template-default,single,single-post,postid-17750,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive

Rhizoctonia sul prato

Rhizoctonia sul prato

Il Rhizoctonia (Rhizoctonia solani) è un fungo che, favorito da temperature alte e umidità elevata, provoca marciumi radicali, necrosi fogliari e avvizzimento dei prati in cui abita.

Il Rhizoctonia è un fungo molto resistente e si annida nel terreno, si propaga velocemente tramite il contatto diretto, l’acqua di irrigazione, gli insetti e persino le correnti d’aria. Prende piede formando dei cerchi di 20 -30 cm di diametro, interessando dapprima il colletto per poi salire ad aggredire le foglie. Questi cerchi sono marroni e tendono a formare una specie di alone perimetrali detto “Smoke rings” e in generale la macchia ha un aspetto marcescente. Osservando gli apparati radicali da vicino, si noterà una colorazione fortemente imbrunita.
Colpisce le più comuni specie di tappeti erbosi e sopravvive a temperature comprese tra i 9° C e i 30° C, ma le temperature ottimali per il suo sviluppo sono tra i 20 e i 30°C, con temperature notturne superiori ai 16°C.
Le essenze più sensibili sono in particolare la Festuca arundinacea, la Zoysia japonica, poa pratensis (in modo minore) e Lolium perenne.

Le piantine infette si riconoscono a causa dei marciumi nella zona del colletto, che possono poi raggiungere le radici e le foglie causando il deperimento di tutta la piantina. Talvolta lo sviluppo della Rizoctonia solani è favorito e stimolato da pratiche di coltivazione sbagliate, come per esempio eccessi nell’irrigazione o un taglio troppo basso.

Rhizoctonia sul prato: Come intervenire

Possiamo risolvere il problema con un fungicida sistemico contro il Rhizoctonia solani. 

Per prevenire il fungo possiamo prevedere 2-3 interventi pre-emergenza, nei mesi di aprile-maggio. In caso di comparsa è importante agire subito ai primi sintomi, poiché si diffonde molto velocemente. In caso di attacchi di Rhizoctonia Solani alzare subito il taglio di un centimetro rispetto all’altezza abituale, permettendo così di “respirare” alla pianta ed aiutarla a contrastare l’infezione. Un valido aiuto, lo otteniamo anche con la giusta e corretta frequenza nelle concimazioni. Scongiuriamo la presenza del fungo, perché rafforziamo la flora antagonista, utile a mantenere la salute delle piante. 

Contattaci per qualsiasi informazione o per richiedere un preventivo gratuito.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.